Search results for:
No result found! Try with different keywords!
Users
Organizers
Events
Advertisement
Oh Snap, this is a past event! 😵

Do you want to get notified when this event happens again?

Insieme - Pluralismo e sicurezza.

Advertisement

Insieme - Pluralismo e sicurezza.


Riprendendo e sviluppando una felice intuizione di Raffaele Scassellati (Presidente sez. ANPI "Nicola Grosa”) che si era concretizzata (già nel 2016) in alcune lezioni e confronti sulla Costituzione italiana presso la Moschea di San Salvario, l’ANPI e le comunità islamiche di Torino hanno organizzato con le altre comunità religiose, studiosi e istituzioni, un ciclo di confronti sul fenomeno della radicalizzazione e dell’estremismo violento, al fine di individuare e sperimentare, Insieme, misure e iniziative volte a contrastarne e prevenirne la diffusione.

Gli incontri (che si sono susseguiti per tutto il 2018) sono stati l’occasione per analizzare il disegno di legge in discussione alla Camera (“Misure per la prevenzione della radicalizzazione e dell’estremismo violento di matrice jihadista”) e avanzare proposte e suggerimenti: molti di questi si sono tradotti in emendamenti che sono stati accolti (in Commissione e in Aula) contribuendo così a definire alcuni profili qualificanti del disegno di legge.
Ma, soprattutto, sono stati l’occasione per costruire legami, far maturare consapevolezze, fiducia reciproca, e per ragionare sulle difficoltà e sulle molte e buone ragioni del pluralismo e dell’impegno per una convivenza pacifica tra persone uguali (nei diritti e nei doveri) e, al tempo stesso, libere (e perciò diverse).

Difficoltà e buone ragioni del pluralismo che vorremmo continuare ad approfondire, incentrando l’attenzione anche su alcuni fenomeni di intolleranza e di razzismo che si stanno pericolosamente diffondendo.
In questi anni, specie sulla rete, si sono infatti moltiplicate le pubblicazioni di immagini e di scritti dall’indubbio carattere razzista e xenofobo che richiamano la simbologia e la retorica del fascismo e del nazismo: ne è un esempio preoccupante, da ultimo, il manifesto della campagna anti-immigrati di Forza Nuova (pubblicato lo scorso 29 agosto) che ripropone, adattandolo ai nostri giorni, un manifesto della Repubblica sociale con il quale gli alleati venivano associati alla figura del “negro” invasore quale “massacratore di inermi e nemico della civiltà europea” ; nel contempo le cronache locali raccontano, con sempre maggiore frequenza, di episodi di violenza su persone di colore: anche se non per tutte è stato accertato un movente razzista o xenofobo, si avverte che qualcosa è cambiato e che la situazione potrebbe ulteriormente peggiorare; basta scorrere gli elenchi e gli approfondimenti che sono stati fatti da molti giornali degli episodi di violenza negli ultimi mesi in Italia.
Anche su questo versante, prima che si consumino atti di violenza ancora più gravi, è dunque necessario procedere alla (ri)costruzione di un “muro culturale” fatto di conoscenza, rispetto e condivisione dei principi costituzionali: un muro da erigere tornando a esplicitare e a discutere (nelle scuole, nei luoghi di lavoro, nelle piazze e ovunque vi sia disponibilità) le molte e buone ragioni del pluralismo, dell’uguaglianza e dei diritti fondamentali.

Il primo mattone, quest’anno, vorremmo provare a discuterlo Lunedì 21 gennaio, alle ore 17.30, presso il salone della Chiesa Valdese, in corso Vittorio Emanuele 23, Torino; e vorremmo iniziare a discuterlo ponendolo in relazione al “diritto” alla sicurezza, quale presupposto per l’esercizio di ogni libertà, individuale e collettiva.



Liked this event? Spread the word :

Map SALONE DELLA CHIESA VALDESE CORSO VITTORIO EMANUELE, 23, TORINO, Turin, Italy
Loading venue map..
Report a problem

Are you going to this event?

Advertisement